“un ospite a cena” – MaVìn

-MaVìn-

sentirsi a casa uscendo a cena

Questa rubrica è stata pensata per condividere i luoghi e le persone in cui crediamo, quelle con cui passiamo volentieri serate a ridere, scherzare e intavolare discorsi.

Uno di questi luoghi è quello che vogliamo raccontarvi questa volta.

Siamo a Canelli, patria storica del moscato, e in una vietta a ridosso del centro c’è un piccolo locale, quattro tavoli circondati da bottiglie di vino e una super donna tutto fare ad accoglerti, sempre sorridente e solare. Siamo da MaVìn e il sorriso è di Marta Vicarioli.

E’ un locale piccolo e accogliente, dove sentirsi a casa ma con le cure di chi sa il fatto suo.

Ci serve tra risate e battute mentre il locale si riempe di clienti ormai affezzionati, che passano a bere un buon bicchiere di vino e a far due parole, con lei e con gli altri avventori. Perchè qui si fa amicizia: “Un posto dove entri ed esci con degli amici in più” ci dice Marta.

E’ un “oste” attenta e ormai conosce i nostri gusti, tra gli scaffali tira fuori una chicca che le approviamo: una Freisa 2009 delle Cantine ScarpaLa selva di Moirano .

Lei è wonder woman e quindi serve e cucina, il suo menù è aggiornato ogni settimana, pochi piatti semplici e buoni. Scegliamo cosa mangiare dalla lavagna e ci fa anche un fuori menù “Ho degli gnocchi e del sugo di noci…che ne dite?”. Mentre noi magiamo e intratteniamo anche il tavolo vicino Marta pulisce e mette gli ultimi piatti a lavare, poi prende un bicchiere di vino e si siede con noi a chiacchierare.

Marta ha studiato tutt’altro nella vita ma nonostante la sua laurea in economia del turismo il mondo della ristorazione è diventato il suo destino.

Senza nessuna esperienza sulle spalle ma tanto coraggio e determinazione si ritrova in Francia all’Auberge du vieux puits 3 stelle michelin. Marta ci racconta le sue avventure e disavventure tra ristoranti e strutture alberghiere, dei personaggi e degli eventi che l’hanno formata, del suo ritorno in italia e della delusione conseguente, dalle stelle alle stalle, contratti scadenti e poca preparazione.

Spinta dal papà, dalla voglia di liberarsi dai fronzoli di una ristorazione impettita e riverente, dalla voglia di libertà e di autonomia, Marta ha deciso di aprire questo piccolo gioiellino.

Qui solo vini piemontesi. Dopo aver girato tanto, tra stellati francesi e italiani, con carte del vino enormi e pompose, a Marta mancava la conoscenza profonda del proprio territorio. Dalla voglia di scoprirne la ricchezza è nata questa decisione.

Aprire Ma Vin è stata una sfida, soprattutto con sè stessa e secondo noi questa sfida Marta l’ha vinta.

Qui ci si sente a casa, si sta bene e si fa amicizia. Si ride, tanto. Marta si diverte e fa divertire i suoi clienti. E’ qui che dopo una lunga gornata ci si può fermare e davanti ad un bicchiere di vino dimenticare i problemi e lo stress con una risata.

28171240_10214464616116400_1416644461_o

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...